Cosa fare dopo un peeling

COSA FARE DOPO UN PEELING CHIMICO

Cosa fare dopo un peeling è di fondamentale importanza per evitare complicazioni e per ottenere il migliore risultato possibile da un peeling superficiale, medio o profondo.
Infatti la tecnica del peeling può apparire anche semplice in quanto si tratta di applicare un acido o una miscela di acidi sulla pelle con una certa sequenza ed osservando attentamente la reazione della pelle stessa cosa fare dopo un peelingma i punti più importanti da tenere presenti e che possono creare problemi sono:

  • l’esperienza del dermatologo che deve comprendere come la pelle sta reagendo e sapere quando fermarsi per non andare oltre una certa profondità, cioè per non fare un peeling troppo leggero o, peggio, troppo profondo in base all’inestetismo cutaneo che si vuole correggere.
  • cosa fare dopo il peeling chimico per guidare la riparazione della pelle e per evitare infiammazioni, macchie, infezioni o la comparsa di brufoli.

Il peeling chimico è un trattamento dermatologico che serve a migliorare le rughe, a dare freschezza al viso ridonando luminosità alla pelle, a migliorare le macchie scure della pelle, a seccare i brufoli e pulire in profondità la pelle eliminando i punti neri e le macchie da acne.

Il dermatologo che ha eseguito il peeling deve fornire tutte le spiegazioni sul decorso dopo il trattamento e sull’evoluzione della riparazione della pelle ed essere disponibile ad essere eventualmente contattato nei giorni seguenti.
Il o la paziente da parte sua deve seguire attentamente le istruzioni post peeling ed applicare i cosmetici o i farmaci consigliati.
Infatti, in questa fase molto delicata molto o tutto dipende dal paziente.

Ecco cosa fare dopo un peeling per evitare complicazioni:

 

  • LAVARE DELICATAMENTE LE AREE TRATTATE evitando di sfregare con l’asciugamano o con spugne abrasive o esfolianti
  • EVITARE L’ESPOSIZIONE AL SOLE O A LAMPADE UV ed utilizzare la crema a protezione totale più volte al giorno come consigliato.
  • NON TIRARE, STROFINARE E GRATTARE LA PELLE PER ACCELERARE LA DESQUAMAZIONE (così facendo si rischia di provocare infezioni o in ogni caso una lesione più profonda con ritardo della guarigione e possibilità di formazione di cicatrici!).
  • NON INDOSSARE CAPPELLI O FASCE MOLTO STRETTE SULLA ZONA TRATTATA per non irritarla o danneggiarla ulteriormente.
  • NON UTILIZZARE  MASCHERE, CREME O ALTRI COSMETICI o farmaci TRANNE QUELLI CONSIGLIATI.
  • EVITARE  ELETTROLISI, CERETTE, DEPILATORI, COLORAZIONI, PERMANENTI O ALTRI  trattamenti che possano irritare ulteriormente la pelle sottoposta a Peeling.
  • PER QUALSIASI DUBBIO RIGUARDO LE ISTRUZIONI RICEVUTE O IN CASO DI IRRITAZIONI O REAZIONI INASPETTATE  telefonare al dermatologo senza aspettare  LA DATA DELLA VISITA DI CONTROLLO O DELLA PROSSIMA SEDUTA!

                                                                                                                                       

Francesco Antonaccioscritto da dott. Francesco Antonaccio (74 Posts)

Sono Dermatologo Plastico ed Estetico, con studio a Parma, esperto in trattamenti per acne e cicatrici. Mi sono sempre occupato anche di studi e ricerche sull'invecchiamento elaborando specifici ed innovativi programmi di ringiovanimento cutaneo e di medicina del benessere. Da molti anni svolgo attività di tutor e docente in Corsi e Congressi nazionali ed internazionali e di divulgazione scientifica come blogger e consulente per vari siti web. SEGUIMI ANCHE SU:


HAI COMMENTI o DOMANDE? Usa il tuo profilo Facebook! E' tutto molto più semplice.

Articoli correlati