Acne e Ovaio Policistico

Condividi sui social

ACNE E OVAIO POLICISTICO

Acne e ovaio policistico sono spesso associati. Circa il 10-20% delle donne in età fertile ha la sindrome dell’ovaio policistico con scarsa o assente ovulazione.   
La policistosi ovarica è dovuta ad una disfunzione ovarica con conseguente aumento della produzione di ormoni maschili da parte dell’ovaio stesso. 
Il quadro dell’ovaio policistico si presenta già nell’adolescenza con manifestazioni di vario grado: cicli mestruali irregolari, infertilità, segni di irsutismo ( presenza eccessiva di peluria in particolare a livello del viso ), acne, alopecia ( perdita e diradamento dei capelli ), sovrappeso od obesità, tendenza al diabete e alla sindrome metabolica.  
Molto spesso comunque si manifesta in modo lieve, solo con irregolarità del ciclo e brufoli, quindi generalmente è lo specialista dermatologo il primo ad essere interpellato proprio per la comparsa dell’acne.

acne e ovaio policisticoÈ bene quindi che il dermatologo,  durante la visita dermatologica per acne, sospetti sempre la presenza della policistosi ovarica chiedendo se i cicli mestruali sono regolari o no, valutando l’eventuale presenza di peluria in eccesso e se vi è perdita di capelli.

Per una diagnosi certa la collaborazione dello specialista ginecologo è fondamentale per eseguire, durante la visita ginecologica, un semplice esame strumentale non invasivo: l’ecografia.  
Si può effettuare l’ecografia addominale o quella transvaginale. Quest’ultima permette una più accurata valutazione e il rilevamento di cisti ovariche anche molto piccole che portano alla diagnosi di ovaio micropolicistico, il quadro più frequente.  
Solo successivamente, se sono presenti segni importanti di irsutismo, può essere indicato eseguire dei dosaggi ormonali: estrogeni, progesterone, testosterone, androstenedione, deidroepiandrosterone ed altri. Si va a valutare così dapprima l’intero assetto  degli ormoni sessuali maschili e femminili.  
Nell’ovaio policistico lieve è possibile che questi dosaggi siano alterati solo lievemente, ecco perchè personalmente consiglio prima l’ecografia.  

Acne e ovaio policistico: come curarli

Il primo obiettivo è “mettere a riposo le ovaie” con la prescrizione di una pillola anticoncezionale a base di estroprogestinici, quindi ormoni sessuali femminili che simulando una gravidanza “addormentano” le ovaie riducendone così la secrezione ormonale.  

Questo porta a 2 benefici:  

1) riduzione della produzione di ormoni maschili con riduzione della secrezione sebacea e dei brufoli dopo circa 3 mesi di terapia. Un effetto maggiore si può ottenere quando agli estroprogestinici si associa un principio attivo che va a neutralizzare l’azione degli ormoni androgeni, il ciproterone acetato.  
Ciò può aiutare ma non è comunque sufficiente a tenere i brufoli sotto controllo. Per curare l’acne, anche quando associata ad ovaio policistico, non si può fare a meno delle cure dermatologiche antiacne e di un’appropriata routine cosmetica.  

2) Graduale e lenta riduzione fino alla scomparsa delle cisti o microcisti ovariche ( in generale tempo minimo 2 – 3 anni )

 È importante sapere che prima di assumere la pillola è necessario sempre:  

a) sentire il parere del proprio ginecologo  
b) eseguire degli esami di laboratorio specifici per verificare la propria predisposizione ad effetti collaterali anche gravi. Dovranno poi essere ripetuti periodicamente.  

Nelle forme meno lievi, quando all’acne si aggiungono segni importanti di irsutismo, alopecia androgenica e sovrappeso, le pazienti adolescenti sentono lesa la propria immagine femminile e soffrono spesso psicologicamente ( depressione e ansia ).   
Nei quadri gravi quando con acne e ovaio polistico ci sono anche problemi di diabete e sindrome metabolica ( ipercolesterolemia, etc. ) o altri disordini ormonali è bene coinvolgere nella valutazione e nella gestione della paziente anche un endocrinologo o un internista e seguire la dieta personalizzata costruita da una nutrizionista.  
In questi casi quindi l’approccio deve essere interdisciplinare con la collaborazione tra dermatologo, ginecologo, dietologa, medico di famiglia, endocrinologo e  psicologo.  

In ogni caso di acne e ovaio policistico l’alimentazione è importante e consiglio sempre di seguire la dieta antiacne.

In un prossimo articolo vedremo come e quali ulteriori terapie sembrano essere efficaci nel curare l’ovaio policistico e quindi l’acne. Intanto se hai domande utilizza pure i commenti con il tuo profilo Facebook.

ACNE: LIBERI DAI BRUFOLI IN 7 PASSI

Il metodo per curare acne e brufoli

 

Un guida pratica e ricca di informazioni ( 266 pagine ) per combattere i brufoli passo passo, con test, esercizi e consigli pratici.

Ebook-come-curare-acne-e-brufoli

compra Amazon


Condividi sui social

HAI COMMENTI o DOMANDE? Puoi inserirli usando il tuo profilo Facebook. i commenti dovranno essere approvati, non appariranno subito

Notizie sull'Autore

Sono Dermatologo e Medico Estetico, con studio a Parma, esperto in trattamenti per acne e cicatrici. Mi sono sempre occupato anche di studi e ricerche sull'invecchiamento elaborando specifici ed innovativi programmi di ringiovanimento cutaneo e di medicina del benessere. Da molti anni svolgo attività di tutor e docente in Corsi e Congressi nazionali ed internazionali e di divulgazione scientifica come blogger e consulente per vari siti web. SEGUIMI ANCHE SU:

Articoli correlati

il Libro Bestseller su Amazon
IL METODO PRATICO

PER CURARE ACNE E BRUFOLI
 
 
come iniziare a liberarti dai brufoli
come scegliere il dermatologo
tutte le cure e i trattamenti più efficaci
tutti gli errori da evitare
la dieta antiacne
il programma antiacne
libro curare acne
close-link
VOGLIO SAPERNE DI PIU'
close-link