Rifare le labbra

Condividi sui social

RIFARE LE LABBRA SOTTILI PER RINGIOVANIRE L’INTERO VISO

Le labbra e gli occhi sono le parti del volto che attraggono maggiormente l’attenzione:

il loro disegno, la loro simmetria, le loro proporzioni, il loro volume sono determinanti per la percezione della bellezza e per la sensualità di un viso.

Ecco perchè l’aumento di volume delle labbra è un trattamento di dermatologia estetica e plastica molto richiesto.

Le labbra turgide e con un bel disegno rappresentano un forte richiamo sessuale e sono indubbiamente un segno di giovinezza in quanto indicano una buona idratazione del derma a sua volta correlato ad un buon livello di ormoni sessuali femminili, gli estrogeni, che, appunto, favoriscono l’idratazione della pelle stimolando e mantenendo adeguata la formazione di acido ialuronico, la molecola che, come una spugna, richiama e lega l’acqua nei tessuti cutanei.

come rifare le labbra

Con l’aumentare dell’età e l’avvicinarsi della menopausa gli estrogeni, e parallelamente l’acido ialuronico, il collagene e l’idratazione cutanea vanno riducendosi. Anche le labbra gradualmente perdono il loro volume ma basta ridare loro appena un pò di turgore per determinare uno spettacolare effetto di ringiovanimento su tutto il viso!

Le labbra sottili, poco prominenti, o con un disegno quasi assente non sono solo un segno di invecchiamento ma si possono riscontrare anche in persone giovani come fattore costituzionale. Anche in questo caso può essere indicato procedere ad un aumento di volume delle labbra in armonia con le forme ed i lineamenti del viso.

Altro inestetismo delle labbra può essere rappresentato da una loro asimmetria: quando per cicatrici (da herpes o traumi) o conformazione una metà (superiore, inferiore o laterale) è più o meno prominente rispetto all’altra.

Spesso è molto lieve, quasi impercettibile, però, volendo, si può correggere.

Rifare le labbra richiede una certa esperienza nell’uso dei filler perchè è molto più difficile e complesso che iniettare la sostanza lungo un solco e una ruga.

rifare le labbra sottili

Rifare le labbra significa:

1) dare un disegno armonico alla bocca in particolare agli angoli ed al centro

2) individuare i punti precisi dove iniettare la sostanza filler per dare sostegno e volume (per non riempire indiscriminatamente dando un volume eccessivo senza nessuna forma e disegno: le famose labbra a canotto)

3) controllare la quantità che si inietta in ogni punto per non creare asimmetrie ma anzi per correggerle se sono presenti

4) conoscere e comprendere l’anatomia particolare delle labbra e la reattività del derma ( ricordando che lo specialista del derma e della pelle è il dermatologo non il dentista o altri …)

e quindi…

5) scegliere il filler… Che non può che essere un filler assolutamente e, fortunatamente, nè permanente nè semipermanente ma riassorbibile, biocompatibile e ad azione biorivitalizzante come lo è l’acido ialuronico, anche se forse più costoso di altri…

danni da filler permanenti

Perchè non si può arrivare a questi risultati permanenti nel tentativo di migliorare l’estetica di un viso e correggere delle labbra sottili …

Quindi con buon senso ( non solo artistico ), esperienza e prudenza saranno evitati gli antiestetici labbroni o, peggio ancora, i danni irreparabili e permanenti che, prima o poi (anche a distanza di anni), possono fare la loro comparsa e che, purtroppo, si vedono ancora così tanto frequentemente.

 


Condividi sui social

HAI COMMENTI o DOMANDE? Puoi inserirli usando il tuo profilo Facebook. i commenti dovranno essere approvati, non appariranno subito

Notizie sull'Autore

Sono Dermatologo e Medico Estetico, con studio a Parma, esperto in trattamenti per acne e cicatrici. Mi sono sempre occupato anche di studi e ricerche sull'invecchiamento elaborando specifici ed innovativi programmi di ringiovanimento cutaneo e di medicina del benessere. Da molti anni svolgo attività di tutor e docente in Corsi e Congressi nazionali ed internazionali e di divulgazione scientifica come blogger e consulente per vari siti web. SEGUIMI ANCHE SU:

Articoli correlati